Categories: Sognalibri

La domanda non è mai più grande della risposta

La domanda non è mai più grande della risposta

  Che cosa rende filosofi? Il coraggio di non serbare nel proprio cuore alcuna domanda. (Arthur Schopenhauer)   Quando mi chiedono com’è possibile fare filosofia a partire dagli albi illustrati, sono solito citare a menadito alcuni albi, alcuni titoli – diciamo così – infallibili, ‘esemplari’: in questo elenco non può mancare il capolavoro di Wolf […]

Che cos’è un bambino? Ovvero indossare gli occhiali giusti…

Che cos’è un bambino? Ovvero indossare gli occhiali giusti…

  Diciamoci la verità: un albo illustrato il cui titolo già contiene una domanda è di per sé, quasi naturalmente, un’ottima occasione per fare filosofia con i bambini, perché ti viene subito voglia di cercare – non dico la risposta esatta, ma – quello che potrebbe essere il nostro personalissimo contributo alla sua definizione… Forse […]

Quando la filosofia si infanzia strada facendo…

Quando la filosofia si infanzia strada facendo…

Quando la filosofia si infanzia strada facendo… di Giancarlo Chirico In quasi tre anni di Fiaba-So-fando, con tante attività e laboratori per bambini, ragazzi e genitori, in più occasioni ho trovato nella filosofia un’interessantissima chiave di lettura rispetto a tanti albi illustrati. Per loro natura, gli albi illustrati sono elaborati concettuali e artistici estremamente complessi, […]

I Musicanti di Brema. Che ci fa un totem al centro del villaggio?

I Musicanti di Brema. Che ci fa un totem al centro del villaggio?

Jacob L. Grimm, Wilhelm K. Grimm, Claudia Palmarucci, I Musicanti di Brema, Orecchio acerbo, Roma 2015 di Giancarlo Chirico Lo ammetto: I musicanti di Brema – assieme a Il gatto con gli stivali – è una delle mie fiabe preferite; probabilmente, l’albo di Orecchio acerbo e le illustrazioni di Claudia Palmarucci, hanno avuto un ruolo […]

Frida allo specchio!

Frida allo specchio!

Frida allo specchio! di Giancarlo Chirico È indubbio che lo specchio rappresenti uno degli oggetti (fiabeschi e non) più affascinanti e densi di significato. In primis, perché riflette quel che tu sei, restituisce ai tuoi occhi l’immagine che porti in giro per il mondo, senza alcun filtro o effetto speciale: lo specchio sa essere veritiero […]