I progetti speciali di Carthusia Edizioni

Cosa rende davvero speciale un progetto? Il bisogno da cui nasce? Oppure la capacità di immaginare intorno a questo bisogno nuove prospettive da costruire insieme? E come riuscire ad alimentarle per farle crescere e conoscere?

Gli albi illustrati, nel loro intreccio di immagini e parole, rappresentano un ausilio potentissimo per affrontare gli argomenti più importanti e riuscire a comunicarli in maniera efficace, a un pubblico potenzialmente vastissimo. La sfida di Carthusia è proprio quella di pensare e realizzare splendidi albi illustrati per parlare di temi importanti e rispondere a bisogni specifici. 

Ma per farlo in maniera davvero efficace è necessario che l’albo non venga calato dall’alto, come se fosse una ricetta sempre valida: il rischio, infatti, è quello di creare un albo troppo astratto e lontano dalle persone cui dovrebbe rivolgersi, segnando una distanza per nulla funzionale né alla storia, né al bisogno e neppure alla lettura. 

Quel che rende speciale un progetto sembra, dunque, proprio il modo di costruirlo intorno al bisogno da cui nasce, ascoltando la voce di tutti i soggetti coinvolti: è per questo che Carhusia, una volta che è stato sollevato il tema, procede sempre alla definizione di un focus group, dove bambini, genitori e specialisti si confrontano, per dare voce a storie di coraggio e speranza, capaci di arrivare davvero al cuore di tutti.

Non vediamo l’ora di poterne parlare con Patrizia Zerbi, fondatrice ed editore di Carthusia e due autrici straordinarie, Beatrice Masini ed Emanuela Nava:

L’appuntamento è per il prossimo venerdì 7 maggio alle 18.00 sulla pagina facebook di Sognalibri.

Per approfondire: Il catalogo dei “progetti speciali” di Carthusia 🡪 https://www.carthusiaedizioni.it/cataloghi/progetti-speciali/

SCOPRI LA RASSEGNA:

Per visualizzare il programma completo accedi al seguente Link: Programma completo

Seguici su Facebook facebook.com/letteratureinclusive

Scopri gli ospiti della rassegna: Gli ospiti della rassegna

Leave a Reply