Il piccolo giardiniere – Settenove

Il piccolo giardiniere – Settenove

329_127

 

C’era una volta un piccolo, piccolissimo giardiniere in un grande giardino. Era il suo giardino, o meglio, la sua stessa vita.

Con impegno e dedizione, giorno dopo giorno, se ne prendeva cura: vi abitava, lo accudiva e lo custodiva. Ma il giardino non cresceva… anzi, sembrava morire a poco a poco nonostante tutta la fatica e il lavoro che vi dedicava. C’era solo un fiore rosso che cresceva: bello, alto e profumato. Un piccolo segno che dava speranza e infondeva coraggio al suo piccolo custode, ma che non bastò a farlo resistere. Il piccolo giardiniere si sentì a un certo punto stanco di fronte al suo apparente fallimento e così decise di mettersi a dormire. Ma prima, ebbe la forza di esprimere un desiderio: “Vorrei solo un pò di aiuto…”. Così scese la sera e lui si abbandonò a un sonno profondo e duraturo.

Ecco però il miracolo. Qualcun’altro, attratto proprio da quel fiore alto e rosso che come per magia è capace di diffondere speranza, comincerà ad occuparsi del giardino. Ciò che sembrava perduto, rivivrà rigoglioso ed abbondante. Al suo risveglio il piccolo giardiniere non potrà non contemplarlo con meraviglia e stupore.

Una storia delicata che parla di impegno e dedizione, ma anche di speranza e fiducia nel futuro. Che ci insegna a non aver paura di chiedere aiuto. Quando il sonno dello scoraggiamento addormenta le nostre risorse, possiamo sperare negli altri, certi che la nostra richiesta sarà sicuramente accolta e risolta. Il piccolo giardiniere non è solo, il suo giardino gli appartiene e lui appartiene al suo giardino. La vita ci supera e ci sorprende. E come un bambino tra le braccia della mamma attende di crescere, e crescerà a tempo debito, così ciò che siamo e ci appartiene si prende cura di noi per donarci fiori e frutti buonissimi al momento più opportuno.

Il piccolo giardiniere di Emily Hughes

Edito da Settenove

Dai 3 anni